HOME

Anziana truffata. L’intervento di Adiconsum Lecce fa annullare contratto di luce e gas non richiesto. La fattura non dovuta perché resa inesigibile

Ancora una truffa per contratti di energia non richiesti ai danni di una persona anziana, risolta a favore dell’utente grazie all’intervento di Adiconsum Lecce che ha provveduto a far annullare il contratto di luce e gas non richiesto e a far rendere inesigibile la fattura nel frattempo pervenuta.

L’anziana, divenuta associata ad Adiconsum Lecce, con un abile raggiro ad opera di ignoti prontamente denunciata ai carabinieri, è stata invitata a fornire una bolletta di energia elettrica con la scusa di dover effettuare un controllo perché pagava troppo.

La bolletta di luce non veniva esibita subito facendo presente che era sola in casa e invitata i fantomatici incaricati di Enel a ritornare quando ci fosse stato il figlio. Ma gli abili truffatori a fronte della richiesta dove fosse il marito e ricevendo come risposta che era venuto a mancare qualche anno prima, insistevano con l’anziana facendole presente che era obbligata a fare la voltura dell’intestazione perché altrimenti avrebbe subito il distacco dell’energia elettrica. Così l’anziana preoccupata, faceva visionare la fattura di energia elettrica e sottoscriveva un documento sottopostole per la firma.

Poiché non era stata consegnata alcuna copia di quanto l’anziana aveva sottoscritto, non era possibile intervenire immediatamente presso alcuno, non essendo noto “cosa e per cosa” avesse firmato. I familiari si rivolgevano così alla sede di Adiconsum di Vitigliano ricevendo assistenza e supporto su quanto accaduto.

Non appena pervenuta la prima fattura di energia, Adiconsum per il tramite del presidente Lucio Paolo Guida, invitava l’utente a non pagarla provvedendo a contestarla unitamente al contratto non richiesto e chiedendone il suo annullamento con argomentazioni varie.

La compagnia di energia, accoglieva le richieste di Adiconsum provvedendo a rendere inesigibile la fattura di energia elettrica pervenuta e contestualmente ad attivare le procedure di salvaguardia per far ritornare l’utente al precedente gestore di luce e gas. Sì perché il contratto fatto astutamente firmare all’anziana era relativo al passaggio a un nuovo gestore sia per l’energia elettrica che per il gas pur lasciando inalterata l’intestazione al marito deceduto.

Adiconsum Lecce raccomanda di prestare molta attenzione nel fornire dati e informazioni a sconosciuti, rivolgendosi in caso di dubbi alle sedi Adiconsum. L’Associazione dei Consumatori informa che i casi segnalati e in trattazione come quello appena risolto, sono purtroppo in aumento esponenziale.

Per ogni approfondimento, analisi e valutazione è possibile rivolgersi al Presidente della sede Territoriale di Lecce o alla sede Cisl Adiconsum di Santa Cesarea Terme, previo appuntamento o inviando una segnalazione tramite il sito www.adiconsumlecce.it o www.sedeguida.it