HOME

AGEVOLAZIONI IMU E TASI. CONTRATTO DI COMODATO DA REGISTRARE

contratto di comodatoCon la legge nr 208/2015 (c.d. legge di stabilita’ 2016) sono cambiate le condizioni che regolano il contratto di comodato per poter ottenere le agevolazioni sui tributi locali.

Se fino al 31/12/2015 le condizioni per l’agevolazione erano dettate dai singoli regolamenti comunali, dal 2016 le agevolazioni, ricorrendone i presupposti, spettano sulla base della novellata previsione legislativa.

Attenzione che a differenza di quanto poteva accadere in precedenza (spesso era sufficiente che il contratto di comodato con data certa venisse comunicato solo al comune senza obbligo di registrazione), dal 2016, per poter usufruire delle eventuali agevolazioni sui tributi locali, e’ necessario che il contratto di comodato sia registrato presso l’Agenzia delle Entrate entro il termine di venti giorni dalla data dell’atto.

Per poter registrare il contratto, il cui schema e’ libero e puo’ essere scaricato un fac simile da qui, e’ necessario effettuare il versamento di € 200,00 una tantum con il mod. F23 utilizzando il codice tributo 109T e € 16,00 di marca da bollo ogni quattro facciate per ogni copia che si intende far registrare (ne sono sufficienti due in tutto). Poi occorre compilare la distinta per la registrazione (modello 69) da presentare all’Agenzia delle Entrate unitamente alla ricevuta del mod. F23 e alle copie del contratto che si intende registrare unitamente alla copia dei documenti di riconoscimento dei soggetti interessati al contratto.  Una raccomandazione: quando si mette la marca da bollo, occorre fare attenzione che “la data” della marca temporale non sia successiva alla data del contratto, altrimenti si rischia una multa dal fisco.

Gli iscritti ad ADICONSUM LECCE possono rivolgersi alle sedi Adiconsum per ottenere assistenza nella predisposizione del contratto di comodato e nella compilazione dei documenti da portare all’Agenzia delle Entrate.

Da ricordare infine, che per poter ottenere il pieno riconoscimento delle agevolazioni, e’ necessario che il contribuente presenti entro il 30 giugno 2017, la dichiarazione di variazione Imu, poiche’ sono cambiate le condizioni per ottenere le agevolazioni in materia di tributi locali.