HOME

Scade il 30 giugno il termine ultimo per non pagare il secondo semestre del canone rai 2017. Ecco il modulo e le istruzioni

Scade il 30 giugno 2017 il termine ultimo per inviare l’autocertificazione per chiedere l’esenzione dal pagamento del canone Rai in bolletta, utilizzando il nuovo modello approvato dall’Agenzia delle Entrate (che è possibile scaricare da qui).

Sono tanti gli utenti che si sono rivolti ai nostri sportelli per segnalare l’addebito in bolletta del canone rai per il 2017. Purtroppo questi consumatori non sono riusciti a inviare per tempo l’autocertificazione entro il 31 gennaio 2017 che avrebbe avuto validità per tutto il 2017.

Ma è possibile rimediare a ciò inviando entro il 30 giugno l’autocertificazione per ottenere il riconoscimento del diritto all’esenzione per il secondo semestre, così da non vedersi più addebitare l’abbonamento dopo giugno. E pagando quindi per il 2017, solo 45 euro.

L’AUTOCERTIFICAZIONE

I contribuenti che non hanno un televisore hanno diritto all’esenzione ma devono comunicarlo ogni anno alla RAI, entro il 31 gennaio. L’adempimento va quindi effettuato anche da parte di coloro che hanno già chiesto l’esenzione per non possesso dell’apparecchio televisivo nell’anno precedente: la richiesta va rinnovata tutti gli anni, altrimenti pur non avendo l’apparecchio televisivo bisogna pagare il canone. Chi invia la domanda di esenzione entro il 30 giugno, avrà diritto all’esenzione solo per il secondo semestre.

Importante! L’obbligo di presentare la dichiarazione di esenzione tutti gli anni riguarda solo il caso di chi non possiede il televisore. Se invece l’esenzione è determinata dal fatto che il canone RAI viene già pagato su un’altra utenza, coloro che hanno già presentato il modulo lo scorso anno non devono ripresentarlo, previa verifica che l’autocertificazione presentata nel 2016 è andata a buon fine.

L’autocertificazione è anche reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate e può essere trasmessa anche con sistemi telematici per gli utenti registrati. E’ sempre possibile l’invio cartaceo, in plico raccomandato senza busta al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate, Ufficio Torino 1, Sportello abbonamenti TV, Casella postale 22, 10121 – Torino.

I CONTENUTI DELL’AUTOCERTIFICAZIONE

Come specificato dall’Agenzia delle Entrate, il modello di esenzione Canone Rai 2017 deve essere utilizzato esclusivamente da parte dei contribuenti titolari di utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale, per presentare le seguenti tipologie di dichiarazioni:

  • dichiarazione sostitutiva di non detenzione di un apparecchio TV, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica, in alcuna delle abitazioni in cui il dichiarante è titolare di utenza elettrica (quadro A);
  • dichiarazione sostitutiva di non detenzione di un ulteriore apparecchio televisivo oltre a quello per il quale è stata precedentemente presentata una denunzia di cessazione dell’abbonamento per suggellamento, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica, in alcuna delle abitazioni in cui il dichiarante è titolare di utenza elettrica (quadro A);
  • dichiarazione sostitutiva che il canone non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica (quadro B);
  • dichiarazione sostitutiva del venir meno dei presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente presentata (quadro C). Tale dichiarazione deve essere tempestivamente effettuata qualora vengano meno i presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente resa, ad esempio nel caso di successivo acquisto di un apparecchio televisivo.

Le istruzioni pubblicate dall’Agenzia delle Entrate per la compilazione della domanda di esenzione Canone Rai 2017 illustrano quelle che sono le novità contenute nel nuovo modello. In particolare nel nuovo modello per richiedere l’esenzione dal pagamento dell’abbonamento tv viene distinta e separata la sezione utile per dichiarare il venir meno dei presupposti di una dichiarazione presentata in precedenza.

Tra le novità che è possibile osservare leggendo le istruzioni per la compilazione del nuovo modello di esenzione Canone Rai 2017 c’è la possibilità di specificare la data a decorrere dalla quale sussiste il presupposto contenuto nella dichiarazione ai fini della cessazione del pagamento del canone (nel vecchio modello la dichiarazione sostituiva per l’ipotesi di cui al quadro B aveva effetto per l’intero canone dovuto per l’anno di presentazione).

Nelle istruzioni dell’Agenzia delle Entrate si legge che la “data inizio” non può essere successiva alla data di sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva. Se il presupposto attestato ricorre da date precedenti il 1° gennaio dell’anno di presentazione della dichiarazione sostitutiva, nel campo “data inizio” può essere indicato, convenzionalmente, il 1° gennaio dell’anno di presentazione.

La dichiarazione sostitutiva per richiedere l’esenzione Canone Rai 2017 (quadro B) di può essere presentata in qualunque giorno e momento dell’anno e ha effetto, ai fini della determinazione del canone dovuto, in base alla data di decorrenza dei presupposti attestati.

Gli associati iscritti ad Adiconsum Lecce potranno richiedere gratuitamente ogni supporto e assistenza necessaria per gli adempimenti dell’autocertificazione entro il 30 giugno 2017.