HOME

Multe e comunicazione dati del conducente. Prestare punti è reato.

In caso di multa e di invito a fornire i dati del conducente entro 60 giorni, può capitare che per evitare una sanzione amministrativa (la decurtazione dei punti dalla patente) si preferisce comunicare le generalità di persone compiacenti che non erano effettivamente alla guida.

Occorre stare molto attenti perchè si rischia di incorrere in una sanzione penale (il reato di sostituzione di persona). Infatti, secondo la sentenza n. 49121.2015 dell' 11 dicembre 2015 della Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione, non sfugge al procedimento penale l’automobilista che invia alle autorità, nel modulo allegato alla multa, false indicazioni sulle generalità del conducente, indicando nome e cognome di un altro soggetto (compiacente) che materialmente non era alla guida dell’automobile.