HOME

Il Ministero. Multe al codice della strada pagate online. Vale la data di accredito

multe cdsAttenzione. Già in questi giorni abbiamo assistito alla polemica nel Comune di Lecce per il pagamento delle multe al Codice della Strada entro 5 giorni per poter beneficiare della sanzione ridotta.

Ora interviene il Ministero dell’Interno, che dopo aver acquisito il parere del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha così formulato un parere del 14.01.2016 chiarendo la portata del dubbio.

La questione. L’importo della multa al codice della strada può essere ridotta del 30% se il pagamento è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica. L’importo può essere pagato direttamente presso gli uffici del Comando che ha elevato la multa oppure mediante conto corrente o bonifico online o con conto corrente postale.

Il problema. Qualora il pagamento viene effettuato con strumenti elettronici entro il termine dei 5 o 60 giorni, ma l’accredito viene effettuato dopo il termine di cui innanzi, il contribuente è in regola o rischia di vedersi notificata la multa maggiorata per non averlo rispettato?

Il Ministero con la nota nr 300.A.227.16.127.34 del 14.01.2016 ha così precisato.

Il pagamento in contanti, su strada o presso l’ufficio dal quale dipendete l’agente accertatore, nonché tramite conto corrente postale, ha valore liberatorio per la somma riportata sulla relativa ricevuta dalla data in cui il versamento è stato eseguito (art. 4 comma 6 del DPR 14/3/2001 n.144).

Nei pagamenti tramite conto corrente e bonifico bancario ovvero con altri strumenti di pagamento elettronico, l’effetto liberatorio per il pagatore, e quindi la definizione del verbale, si ha alla data di accredito dell’importo sul conto dell’organo di polizia stradale.