HOME

Il Canone Rai è dovuto perché è una prestazione tributaria

canone rai dovutoIl Canone rai ha natura di “prestazione tributaria fondata sulla legge e non commisurabile alla possibilità effettiva di usufruire del servizio”. Così si è espressa la Cassazione con l’Ordinanza nr 1922/16 depositata qualche giorno fa, che ha negato uno specifico rapporto contrattuale che leghi il contribuente alla TV pubblica.

La Corte di Cassazione si è pronunciata su una impugnazione dell’Agenzia delle Entrate a seguito di un ricorso vinto da un contribuente in Ctr che aveva ottenuto l’annullamento di una cartella di Equitalia contenente  sei annualità di canone rai pregressi.

Il contribuente aveva ottenuto l’annullamento della cartella sulla base di due elementi:

  • La richiesta di oscuramento delle reti Rai;
  • Successiva comunicazione della rottura dell’apparecchio Tv.

La Cassazione ha ritenuto che le suddette motivazioni non erano sufficienti per non pagare il canone rai perché il canone è dovuto per una prestazione tributaria fondata sulla legge e non commisurata alla effettiva possibilità di usufruire del servizio pubblico radiotelevisivo.

Per gli approfondimenti leggi l'Ordinanza della Cassazione.