HOME

E’ entrato in vigore il tentativo obbligatorio di conciliazione per le forniture di energia elettrica e del gas

conciliazione-obbligatoriaDal 1° gennaio è entrata in vigore la delibera dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico che ha introdotto il tentativo obbligatorio di conciliazione per le controversie aventi ad oggetto i servizi di fornitura dell’energia elettrica e del gas.

Il provvedimento approvato dall’Autorità è il c.d. Tico ossia il Testo Integrato di Conciliazione, grazie al quale a partire dal 1° gennaio 2017 i clienti finali di energia elettrica e gas siano essi domestici e non domestici nonché coloro che sono anche produttori e consumatori di energia elettrica, hanno l’obbligo preliminarmente – prima di proporre un’azione giudiziaria nei loro confronti – di esperire un tentativo di risoluzione stragiudiziale delle controversie relativo ai reclami con i rispettivi fornitori di energia.

Ciò significa che prima di rivolgersi al giudice per far valere le proprie ragioni, è sempre e comunque necessario esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione.

Adiconsum ha già da tempo provveduto al proprio interno a dotarsi dei conciliatori di energia. Ma non solo. Adiconsum Lecce oltre al conciliatore già formato, può vantare tra le proprie figure professionali volontarie che supportano giornalmente l’attività a favore dei consumatori, la presenza dell’ingegnere Giovanni Guida, esperto anche in problematiche energetiche.

Per poter accedere alla procedura di conciliazione, non sono previste particolari formalità da espletare né è indispensabile l’assistenza di un professionista o altri, anche se è sempre preferibile farsi assistere almeno da una associazione dei consumatori per evitare che la domanda venga dichiarata inammissibile e quindi archiviata qualora non rispetti i requisiti indicati dal Testo Integrato di Conciliazione (TICO).

La procedura di conciliazione dovrà essere conclusa entro 90 giorni dalla data della domanda e potrà essere prorogata, in particolari condizioni, per altri 30 giorni e per una sola volta.

Ci auguriamo che la nuova procedura di conciliazione energetica introdotta possa davvero essere utile ai consumatori per evitare che paghino sempre più spesso fatture di energia non sempre rispondenti ai reali consumi e impegni contrattuali se si considera che sono sempre di più gli utenti che si rivolgono agli sportelli di Adiconsum Lecce perché vittime di truffe e raggiri per contratti mai richiesti.

Adiconsum Lecce con la propria struttura è già pronta a raccogliere la nuova sfida per una difesa sempre più attenta e incisiva nell’interesse dei consumatori.