HOME

Disagi nel trasporto ferroviario. Questi i diritti da far valere

Capita spesso che ci si dimentica che in caso di disservizi nel sistema dei trasporti ferroviari, esistono dei diritti che il cittadino viaggiatore può far valere.

Ecco i diritti in pillole del viaggiatore (Regolamento Europeo nr 1371/2007):

Diritto di informazione a 360°:

·      Prima del viaggio (condizioni applicabili al contratto, orari, tariffe, servizi a bordo, ecc.);

·      durante il viaggio (ritardi, interruzioni del servizio, coincidenze);

·      dopo il viaggio (procedure relative alla presentazione di reclami, ai bagagli smarriti, ecc.).

Diritto ad essere risarcito in caso di lesioni alla tua persona:

·      La copertura assicurativa minima per passeggero è fissata a 310.000 euro;

·      Hai diritto a pagamento anticipato per coprire spese urgenti successive all’incidente.

Diritto ad essere risarcito per smarrimento/danneggiamento bagaglio:

·      L’indennizzo per lo smarrimento e/o il danneggiamento di un bagaglio registrato può arrivare fino a 1.285 euro a bagaglio.

Diritto ad essere risarcito in caso di ritardo/soppressione del treno (salvo circostanze eccezionali).

·     Diritto a chiedere un compenso minimo pari a:

>  il 50 % del prezzo del biglietto in caso di ritardo pari o superiore a 120 minuti

>  il 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardo compreso tra 60 minuti e 119 minuti

<  un bonus, non in denaro, del valore del 25% del prezzo del biglietto di viaggio da utilizzare in seguito

·      Diritto a ricevere per ritardi all’arrivo o alla partenza:

>  pasti e bevande

>  sistemazione in albergo o di altro tipo

>  trasporto verso il punto di partenza o di arrivo, se il treno è bloccato sui binari

>  rimborso pieno del biglietto o riprotezione su un viaggio alternativo.

 

Per ogni tua tutela invia una mail a segnala@adiconsumlecce.it