HOME

Diritti dei passeggeri: cosa si può pretendere dalle compagnie aeree

aereo diritti-passeggeri-aereiNel periodo estivo, scioperi e disservizi, soprattutto nel comparto aereo, provocano danni notevoli ai passeggeri che sono intenzionati ad iniziare un viaggio.

Considerando il solo caso italiano, ben il 97% non ha sporto reclamo per disservizi causati dalle compagnie aeree: 270 milioni di euro non riscossi e più di un milione di cittadini a cui è rimasto solo il danno subito.

Non essendo più attivo il Fondo di garanzia per il turismo (che garantiva i viaggiatori che riscontravano problemi sui pacchetti e i viaggi organizzati da tour operator e agenzie di viaggio ma non interveniva sugli spostamenti “fai dai te”), spesso accade che l’utente non sappia quali sono i suoi diritti o si arrenda davanti alle risposte evasive date dalle compagnie.

Stante tale situazione, ammonta a circa 3 miliardi di euro la somma dei rimborsi aerei non reclamati dai passeggi pur avendone diritto.

Secondo la legge europea, i passeggeri i cui voli hanno subito più di tre ore di ritardo, sono stati cancellati o sono andati in overbooking, hanno diritto ad un risarcimento.

L’ammontare di tali risarcimenti è fisso, indipendentemente dal costo del biglietto.

Se la tratta è fino a 1500 km, si ha diritto a €250; se la tratta è fra i 1.500 e i 3.500 chilometri  si ha diritto a €400. Se, infine, la tratta è maggiore di 3.500 km si ha diritto a €600. Le norme hanno anche effetto retroattivo, per cui possono richiedere il risarcimento tutti i passeggeri che hanno avuto un volo cancellato o in ritardo negli ultimi 3 anni.

La Carta dei diritti del passeggero prevede inoltre che, in caso di annullamento del volo, il passeggero possa richiedere il rimborso del prezzo del biglietto per la parte di viaggio non effettuata o in alternativa la riprotezione su un altro volo.

Inoltre è garantita l’assistenza in loco: pasti, bevande ed eventuale sistemazione in albergo qualora fossero necessari uno o più pernottamenti.

Se questa non dovesse essere messa a disposizione dalla compagnia, i passeggeri possono conservare tutte le ricevute inerenti le spese effettuate in tal senso, al fine di chiedere il rimborso nel più breve tempo possibile. Tale assistenza spetta anche ai passeggeri il cui volo dovesse subire un ritardo prolungato.

 

a cura dell'Avv. Stefania Isola – Sede Adiconsum di Galatina (Le)